Indice del Forum

 
  ChatChat   FAQFAQ   CercaCerca   Lista UtentiLista Utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin   HomePageHomePage 

Michael Bubl

 
Nuovo Argomento   Rispondi    Indice del Forum -> Su e giù per il pentagramma
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Forte
SENSEI
SENSEI


Registrato: 03/04/03 10:37
Messaggi: 1232
Residenza: Darkwood

MessaggioInviato: Sab Apr 02, 2005 7:33 pm    Oggetto: Michael Bubl Rispondi Citando

It' time

Che Michael Bubl fosse un grande interprete era chiaro fin dagli esordi, ma per essere il crooner perfetto del XXI secolo mancava ancora qualcosa.
Serviva la prova del nove.
Ovvero, questa collection di quindici standard, in cui il nostro potesse mostrare di andare pi in l della semplice riedizione del mito di Frank Sinatra.
"It's Time" gioca la carta dell'eclettismo: prodotto in maniera stratosferica da David Foster e Humberto Gatica, un disco fatto non solo di pieni orchestrali, svisate swing e entertainment sfarzoso da Carnegie Hall.
C' anche spazio per ballad intimiste e arrangiamenti unplugged non lontani dal modello di Norah Jones.
Michael mostra di non essere solo un frontman capace di arrampicarsi in cima a una vertiginosa fuga di contrabbasso, ma anzi domina dall'alto una tempesta di ottoni.
Sa anche piegarsi sulla chitarra acustica per trasformare le trame di un esile bossa in un pezzo da brivido comi in "Feeling good".
La ripartenza, con "A Foggy Day (In London Town)" invece scoppiettante e stropicciata, con le chitarrine cavalcate da vere e proprie esplosioni da big band.
Bubl non si tira indietro: striglia il brano a dovere e lo sovrasta con gli accenti baritonali di un timbro insospettabilmente vigoroso.
Le dolcezze, quella maniera inconfondibile di troncare il fiato a met parola, trasformando le strofe in respiri, le risparmia per la zuccherosa "You Don't Know Me".
Un duetto con Nelly Furtado trasforma l'atmosfera lounge dell'evergreen "Quando Quando Quando", solcata da svirgolate astrali di sax.
Il singolone "Home" una ballatona nostalgica senza tempo, ma anche una confessione schietta modulata in versi semplici da un ragazzo che non vuole perdere a nessun costo la dimensione di s.
La canzone fa coppia con una cover strabiliante, quella del classico Motown "You and I", in cui Michael sceglie di non mollare d'un centimetro l'originale di Stevie Wonder.
Come 'bonus track' arriva a sorpresa la murder song brechtiana "Mack The Knife", trasportata idealmente a Broadway nel pi rutilante dei finali.
Forse per qualcuno il secondo album ancora il pi difficile: non per Mr Bubl, che si conferma uno da tutti otto in pagella.

FUTURO
_________________
IN VINO VERITAS
RI.UB. VOLONTARI VERBANIA
Top
Profilo Invia Messaggio Privato Invia Email HomePage Skype Name
Mostra prima i Messaggi di:   
Nuovo Argomento   Rispondi    Indice del Forum -> Su e giù per il pentagramma Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere a nessun Argomento
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi


Powered by phpBB© 2001, 2005 phpBB Group Installed by Bilbo